[Recensione] Aviary Photo Editor per Android


aviary

Aviary Photo Editor è un’applicazione per Android che permette di modificare ed aggiungere degli effetti alle foto.

Per avviare l’applicazione dobbiamo recarci nella galleria delle immagini, selezionare una foto e dal menù “Condividi” scegliere “Aviary”, oppure usare il launcher dell’applicazione.

Una volta avviata l’applicazione ci troveremo di fronte ad un’interfaccia semplice ed intuitiva, con tasti, pulsanti ed opzioni abbastanza grandi per essere utilizzati senza problemi, anche con gli smartphone che hanno uno schermo di dimensioni ridotte.

L’applicazione ci permette di migliorare la foto, bilanciandone il colore e la luminosità in base all’ambientazione. Possiamo quindi rendere più luminose e più nitide le foto scattate di notte.

aviary testo

Un’altra particolarità dell’applicazione sono gli effetti, che ricordano molto da vicino quelli di Instagram. Una serie di questi effetti-base sono disponibili gratuitamente, come “Laguna” o “Strato”. Altri effetti diventano disponibili tramite un pagamento.

Un’altra opzione permette di ruotare l’immagine o di “specchiarla”, possiamo inoltre ritagliare la foto per prenderne solo una porzione.

Come ogni editor, anche Aviary ci permette di modificare la luminosità, il calore, il contrasto, la nitidezza e il livello di saturazione.

aviary testo

Tramite lo strumento “testo” possiamo aggiungere delle frasi o delle parole alla nostra immagine.

La funzione “meme” consente di aggiungere le tipiche scritte del meme – tanto in voga in questo momento – alla nostra foto.

Immancabili l’effetto “occhi rossi” per rimuovere i classici occhi rossi dalle foto, “schiarisci” per rendere più chiara la foto e “difetto” per aggiungere l’effetto di sfumatura leggero.

L’applicazione consente di modificare velocemente le proprie foto, di salvarle e di condividerle poi sui vari social network.

È indubbiamente una delle migliori in circolazione per semplicità e qualità.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su ANDROID Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave